Qual è l’endotelio corneale?

L’endotelio corneale è un singolo strato sottile di cellule che rivestono l’interno, la superficie posteriore della cornea negli occhi. E ‘così chiamato in base alla sua posizione e al tipo di cellule che lo formano, chiamate cellule endoteliali, queste cellule sono piatte e sono responsabili della pulizia della cornea. L’endotelio corneale, noto anche come epitelio posteriore, è rivolto verso la camera anteriore dell’occhio, che si trova tra la cornea e la parte dell’occhio che copre, chiamata iride.

La formazione dell’endotelio corneale avviene prima della nascita, durante la fase embrionale. La sua origine è la cresta neurale, un gruppo di cellule che lasciano il tubo neurale per formare una varietà di cellule – dalle cellule che producono melanina, o dai melanociti, nella pelle ai neuroni del sistema nervoso. Alla nascita, la conta cellulare endoteliale è solitamente di circa 300.000 per cornea. All’età adulta, tuttavia, la densità cellulare diminuisce fino a raggiungere un intervallo compreso tra circa 2.000 e 3.200 cellule per millimetro quadrato in ciascun occhio. Lo strato è solitamente composto da celle di dimensioni uguali, che formano una forma esagonale.

La camera anteriore, che l’endotelio corneale affronta, si trova tra la cornea e l’iride. Questo spazio è riempito da un fluido denso e acquoso chiamato umor acqueo. Questa sostanza svolge diverse funzioni, tra cui il gonfiaggio del bulbo oculare e l’alimentazione con l’occhio.

La parte posteriore dell’endotelio corneale ha un contatto diretto con il fluido nella camera anteriore. Questo posizionamento consente allo strato di cellule di trasportare i nutrienti necessari dall’umore acqueo alle aree della cornea che ne hanno bisogno. Allo stesso tempo, l’endotelio corneale prende l’acqua dallo stroma corneale – la parte dell’occhio sul bordo frontale dell’endotelio corneale che rafforza la cornea – e la trasporta all’umore acqueo. Sostenere l’endotelio corneale al suo margine anteriore è la membrana di Descemet, che è anche classificata come una “membrana basale” perché è alla base di questo strato di cellule.

Il rischio che l’endotelio corneale fallisca o diminuisca di densità aumenta con l’età delle persone o quando si verificano traumi ottici. Un esempio di una malattia che interessa lo strato cellulare è la distrofia di Fuchs o la distrofia endoteliale di Fuchs. Questa malattia degenerativa della cornea comporta l’ispessimento della membrana di Descemet e un accumulo di liquido nell’endotelio, con conseguente compromissione della vista. Lo strato può anche essere influenzato negativamente dall’irite, che è un’infiammazione dell’iride, e dal glaucoma, che è caratterizzato dal danno del nervo ottico. Sebbene esistano varie tecniche chirurgiche per il trattamento di tali malattie, non esiste un metodo per riparare l’endotelio corneale stesso.