Cos’è la plasticità sinaptica?

La plasticità sinaptica è la tendenza del cervello a modificare la natura delle connessioni tra le singole sinapsi in risposta alle mutevoli esigenze. Ciò consente al cervello di adattarsi a nuove situazioni e richieste, fondamentali per l’apprendimento e molti altri processi cognitivi. La scoperta della plasticità sinaptica fu uno sviluppo importante nel campo della neurologia. I ricercatori interessati a questo argomento lavorano con una varietà di organismi per saperne di più su come funziona.

Storicamente, gli scienziati ritenevano che il cervello avesse creato una serie di connessioni fisse. La forza e la posizione di ciascuna connessione non cambierebbero ei recettori di ogni sinapsi rimarrebbero stabili. La ricerca sulla plasticità sinaptica ha rivelato che in realtà non è così. Le connessioni possono aumentare e diminuire di intensità e le sinapsi possono far crescere più recettori. Ciò rende il cervello nel suo complesso un organo molto elastico in grado di rispondere a una varietà di cambiamenti.

Questo fenomeno può essere suddiviso in plasticità a breve e lungo termine, in base alla durata. A volte le caratteristiche di una connessione cambiano solo per pochi minuti e altre volte possono durare molto più a lungo. Può essere estrinsecamente motivato da attività altrove nel cervello, o intrinsecamente, con segnali dall’interno della sinapsi individuale. Ciò consente alle sinapsi di rispondere al remapping e ad altri eventi in altre parti del cervello. Imparare come funziona questo processo può aiutare gli operatori sanitari ad affrontare problemi come la perdita di memoria e le malattie degenerative del cervello.

La depressione e il potenziamento possono entrambi verificarsi a causa della plasticità sinaptica. Una sinapsi può diventare meno attiva e meno capace di trasmettere segnali, o più attiva, con un maggiore grado di conduttività. Questo sembra giocare un ruolo fondamentale nella formazione e nella memorizzazione dei ricordi. Di conseguenza, la plasticità sinaptica è un argomento importante per i ricercatori interessati ai processi alla base della memoria umana. Capire il processo può anche aiutare i ricercatori a studiare cosa succede quando va male.

La ricerca sulla plasticità sinaptica è un processo in corso in molte regioni del mondo. I membri del pubblico interessati a questa ricerca possono consultare le pubblicazioni commerciali e professionali, che possono essere disponibili a pagamento. Possono anche seguire i media scientifici, dove i principali studi sono di solito un argomento di discussione, insieme con l’interpretazione per i lettori che possono avere difficoltà a seguire la scienza. Le persone possono anche contribuire alla ricerca iscrivendosi come partecipanti a studi sulla memoria, sulla cognizione e su altri processi nel cervello umano.